La lavatrice

Si sta come in una lavatrice.

A tratti fermi, poi lento movimento in un senso e subito dopo nell’altro.

Arrivano notizie che , come il sapone, ti avvolgono e ti confondono, e ancora a girare, girare, girare.

Quando si riecse si lancia un’occhiata fuori dall’oblò. Li c’è il mondo. Ma sono solo pochi istanti perché il movimento trascina via.

Si sta come in una lavatrice quando viene la centrifuga. Tutto ruota vorticosamente, non c’è tempo per pensare, non c’è un appiglio, non c’è altro senso all’infuori di quello di rotazione.

L’acqua invade tutto, diluisce, appiattisce, porta via con se le macchie, ma anche i colori. Penetra dentro, si respira, si espelle.

E ancora una centrifuga, e ancora dell’acqua. Centrifuga, risciacquo.

Si sta come in una lavatrice. Si è perso il senso dell’orientamento si è perso il colore, si è persa la capacità di rimanere fermi, si è persa la capacità di osservare il mondo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...