28 Agosto

Ancora un giorno in sua compagnia! Mi sto rendendo conto che solo nell’ultima settimana ho ricevuto in dono la lui mille volte di più di quanto io gli abbia dato in tutta la sua vita. Ogni parola che lui, con gran difficoltà, pronuncia vale per  me più di qualsiasi pietra preziosa. Le sue frasi sono piene di saggezza. La saggezza di chi è stato costretto a diventare maturo prima del tempo e di chi è stato derubato della propria fanciullezza. Ogni ora trascorsa in sua compagnia costituisce per me un grande insegnamento. Non immaginavo che a soli dodici anni si potesse soffrire con tanta dignità. L’idea stessa della sofferenza dovrebbe essere sconosciuta a quell’età, e invece lui mi insegna a soffrire e a sorridere soffrendo. Mi insegna a piangere, non per il dolore ma per la tristezza, la tristezza di una vita di cui ha perso la prospettiva ma che rincorre affannosamente e a cui si aggrappa in tutti i modi. Ed io non posso che imparare da lui e prendere tutto ciò che mi regala, imparando ad accontentarmi come lui si accontenta di questa piccola spoglia stanza d’ospedale, di una dose di morfina che allenta la morsa dei dolori, di una sacca di sangue che gli da una apparente energia, e apprezza  e rispetta questa vita che pure è stata tanto avara con lui. Così mi accontento anche io e mi sazio del suono della sua flebile voce quando mi parla e mi racconta i suoi progetti: la scuola, le prossime mangiate e ancora prima la sua fidanzata. Ogni giorno le rivolge un pensiero e si ripropone di chiamarla, ma il timore che anche dalla sua voce possa trasparire il suo aspetto lo costringe a rimandare. Questa notte mi sento però meno triste, forse i suoi insegnamenti stanno portando dei risultati. E aspetto l’alba con una speranza, la speranza che lui possa vedere ultimata la sua collezione di monete dei Mitici di Disney, a cui tiene tanto.  La trentesima moneta, quella di sabato 29 agosto uscirà col numero dedicato a Zapotec. Ha rincorso per ventinove settimane questa edizione difficile da trovare, con caparbia determinazione ha cercato in tutte le edicole, sabato dopo sabato, e non ne ha perso un numero. Ed ora ci siamo. L’ultimo sabato è arrivato. Domani il traguardo sarà raggiunto, che gioia sarà per lui. Era un’altra persona, che oggi a stento gli rassomiglia, che nel freddo gennaio pavese comprò con grande entusiasmo il primo numero. Mai avrei potuto immaginare che un fumetto fosse stato tanto importante per me.

(28 Agosto 2009)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...