29 Maggio

Una bolla di sapone. Io ci vivo dentro, e dentro c’è tutto il mio mondo. Ci sono i miei affetti, le mie cose, le mie relazioni, ma anche e soprattutto i miei ricordi: la mia vita. La bolla di sapone galleggia nell’aria, leggera e fragile. Vista da dentro sembra eterna, solida. In essa e su di essa ho fondato tutta la mia esistenza. Lei c’è, mi rassicura, mi da gioia e piacere, mi nutre, nutre i miei sentimenti: è il mio mondo. Oggi, ad un tratto, la bolla di sapone scoppia, senza alcun rumore, e svanisce come per magia portando con se il mio piccolo mondo. Dove un attimo prima c’era una bolla di sapone con dentro il mio mondo, la mia vita, ora non c’è più nulla. Adesso, fuori dalla bolla, mi manca il respiro, mi sento solo in mezzo a tutte le mie cose, a tutte le persone che erano con me dentro. I miei sentimenti non ci sono più. Mi sento solo.

(29 maggio 2009)

Annunci

19 maggio

Il grande inganno. Mi manca il respiro. Non credevo che fosse possibile. Ma la realtà supera sempre anche la più fervida immaginazione. La persona che più ho amato nella mia vita è anche quella che ho più ingannato. Un inganno orribile, fatto di simulazioni e dissimulazioni continue, quotidiane, costanti. La testa mi scoppia, cerco di trovare un via di fuga dall’inganno, ma non c’è. Scherzo, chiacchiero, giochiamo insieme, passeggiamo, guardiamo un film e intanto il mio inganno si compie e si perpetra con disperata determinazione. Mento e mi sento male. Vorrei poter dire, raccontare e commentare, e invece mento, e continuo a mentire. Mando in scena la mia prima e più riuscita rappresentazione.
Simulo una serenità che questo pomeriggio si è frantumata, in mille pezzi come un cristallo.
Dissimulo una disperazione folle, crudele, disumana.
Ma cosa è rimasto di umano in questa vicenda? Forse solo i personaggi di questa tragedia, la trama invece è assurdamente inumana. La cosa peggiore è che mentre recito non posso non pensare alla fine della rappresentazione, al momento in cui si chiuderà il sipario. Ci saranno gli applausi, i fischi, i commenti. Dopo resterà solo l’inganno, un vile inganno alla persona che meno lo meritava. Mi sento una vera merda.

(19 maggio 2009)